L A N C I A   A R D E A

Web Site

Sito ufficiale del Lancia Ardea Club

CLUB DI MODELLO RICONOSCIUTO E AUTORIZZATO DAL LANCIA CLUB

La meccanica Home page
Navigatore sito
Scopriamo l' Ardea
Aggiornamento: 28 Settembre 2010

Il  motore

L’Ardea monta un quattro cilindri a V stretto con valvole e albero di distribuzione in testa di soli 903cc di cilindrata , il più piccolo mai costruito dalla Lancia.

 

La disposizione è anteriore longitudinale con frizione e cambio in linea. Il raffreddamento è ad acqua, l'alimentazione a benzina. Esso costituisce un elemento assai originale di questa vettura per la sua compattezza e leggerezza, con solo 80 Kg di peso.

Le caratteristiche

Modello

1a serie

2a serie

3a serie

4a serie

autotelaio

tassì Roma

furgoncino e autolettiga

camioncino

Telaio n.

1001 3992

3993 7129

7130 8430

8431 12030

12031 23730

   

1001 3170

3171 4385

4386 8120

1001 2194

2195 2600

Identificazione motore

100

100

100A

100B

100

100

100

100A

100B

100

100B

Cilindri

4 a V stretto di 19° 54'

Diametro e corsa

65 x 68 mm

Cilindrata totale

903 cc

Potenza CV

28,8

30

28,8

25

N. giri

4600

4500

Rapporto compressione

6

6 - 5.8

5.08

7

6

6 - 5.8 - 7

sospensione del motore

molle a balestra e tamponi di gomma (brevetto Lancia)

peso del motore

85 Kg circa

Il blocco motore è in ghisa con canne di ghisa speciale riportate ed intercambiabili

tavola tecnica

blocco motore vista posteriore

blocco motore vista supporti di banco

blocco motore vista supporti di banco

blocco motore vista supporti di banco

blocco motore vista lato sinistro

blocco motore vista dall'alto

blocco motore vista dall'alto

blocco motore vista anteriore

blocco motore vista anteriore sede catena distribuzione

L’ albero motore appoggia su tre supporti di banco con cuscinetti di bronzo rivestito di metallo bianco antifrizione. Le bielle sono in acciaio stampato con una sezione a doppia T ed un cuscinetto di testa in bronzo sempre rivestito di metallo bianco antifrizione.

Coppa olio in alluminio con base alettata per il raffreddamento.

guarnizione testa

albero motore

bielle motore

I pistoni sono in alluminio con tre anelli di tenuta più uno raschia-olio del tipo a gole.

Pistone vecchio e nuovo per restauri a confronto.

 

 

 

Valvole e distribuzione

La distribuzione è a valvole in testa inclinate, comandate da un solo albero a " bocciuoli" (cammes) sistemato al centro della testa cilindri e comandato da una catena silenziosa munita di tenditore automatico idraulico (brevetto Lancia).

Valvole di scarico con stellite riportata nella zona di contatto con la sede, per aumentare la resistenza alla corrosione ad alta temperatura.

Fino alla vettura n. 250-7129 (2a serie)

Dalla vettura 250-7130 fino a fine 4a serie

Per mantenere il blocco motore più stretto possibile le valvole in testa sono inclinate . Ciò è possibile mediante otto cortissime aste e altrettanti bilancieri tutti inclinati di 27°e 30’. Il piano delle valvole così inclinato impedisce che valvole di due cilindri vicini si tocchino. Questo schema si differenzia rispetto Rispetto all’ Aprilia e l'allineamento a due a due su linee oblique rispetto all’asse longitudinale del motore si definisce a lisca di pesce. Tale soluzione brevettata costituisce un eccellente compromesso tra l’opportunità di conferire una forma emisferica alle camere di scoppio e la necessità di fare stare tutto il gruppo distribuzione nel limitatissimo spazio determinato dalla vicinanza delle due file di cilindri.

testa cilindri con valvole lato superiore

testa cilindri con valvole lato inferiore

I bilancieri sono applicati su quattro supporti indipendenti in modo da permettere il comando delle valvole inclinate con albero di distribuzione unico, evitando l'interferenza tra le valvole di cilindri contigui. Questa caratteristica disposizione, realizza notevoli vantaggi di semplicità e di ingombro, quindi di peso

 

catena distribuzione con ruota comando distribuzione

volano

Le misure di alesaggio e corsa sono praticamente quadre 65 x 68 mm, e, insieme al ridotto valore di cilindrata unitaria, consentono alti valori di rotazione: la potenza massima è infatti fornita a 4600 giri/min ma il motore poteva salire fino a quasi 5000.  Il comando delle valvole avviene tramite levette a bilanciere per quelle disposte alle estremità della testa e di bilanciere a puntalino per quelle disposte nella parte mediana.

bilancino

albero distribuzione e bilancini

bilancino

 L’albero a cammes è montato in testa ed è comandato da una catena.

Fino alla vettura n. 250-12030 (4a serie)

Dalla vettura 250-12031 fino a fine 4a serie

L' alimentazione

Modello

1a serie

2a serie

3a serie

4a serie

autotelaio

tassì Roma

furgoncino e autolettiga

camioncino

Telaio n.

1001 3392

3393 8430

8431 12030

12031 23730

   

1001 3170

3171 4385

4386 8120

1001 2194

2195 2600

carburatore

Zenith 30 VIML

     Zenith 30 VIML                    (Zenith 30 VIML3)

Zenith 30 VIML3

Solex 26 AIC

Zenith 30 VIML

Zenith 30 VIML

(Zenith 30 VIML3)

[Solex 26 AIC]

diffusore

21 mm

21 mm

21 mm

20 mm

21 mm

21 (20) [20] mm

getto principale

0.85 mm

0.85 mm

0.85 mm

1.05 mm

0.85 mm

0.85 (0.85) [1.05] mm

getto compensatore

0.60 mm

0.60 mm

0.60 mm

2.30 mm

0.60 m

0.60 (0.60) [2.30] mm

getto minimo

0.65 mm

0.65 mm

0.65 mm

0.45 mm

0.65 mm

0.65 (0.65) [0.45] mm

getto avviamento

1.10 mm

1.10 (0.90) mm

0.90 mm

1.00 mm

1.10 mm

1.10 (0.90) [1.00] mm

valvole avviamento

3.5 mm

3.5 mm

3.5 mm

-

3.5 mm

3.5 (3.5) [-] mm

 

L'alimentazione è per gravità con il serbatoio posizionato più in alto del carburatore davanti al parafiamma e accessibile attraverso il cofano motore. Due i tipi di carburatore montati: Zenith e Solex.

Zenith fino alla vettura n. 250-12030 (4a serie)

Solex dalla vettura 250-12031 fino a fine 4a serie

La lubrificazione

Il sistema di lubrificazione del motore è del tipo a circolazione forzata tramite pompa.

L'olio si introduce nel bocchettone situato sulla testa del motore fino alla vettura 250-7129 e dalla vettura 250-7130. Il tappo ha anche funzione di sfiatatoio. Il livello si misura con l'apposita asta graduata. La quantità di olio prevista era 2.5 - 3 Kg.

Nel blocco cilindri, immediatamente al di sopra del filtro autopulitore, si trova la valvola di regolazione della pressione dell'olio in uscita dal filtro e diretto al motore. L'apertura di questa valvola è regolata da una molla tarata che ha lo scopo di impedire il superamento della pressione massima di 4 Kg/cm2, limite massimo del settore "normale" indicato sul manometro del quadro strumenti. Per smontarla è necessario svitare il tappo di chiusura, estrarre la molla di regolazione e quindi la valvola.

pompa olio motore e succheruola

Sul lato destro del blocco cilindri, immediatamente sotto lo spinterogeno, è incorporato, in posizione orizzontale, il filtro autopulitore a lamelle.

La pulizia di questo filtro avveniva automaticamente ogniqualvolta si avvia il motore, per mezzo di un tirante che collega la leva del filtro alla leva del motorino di avviamento.

Ad ogni manovra della leva di avviamento la leva del filtro ruota di 1/8 di giro provocando così la pulizia delle lamelle del filtro stesso.

Le impurità ed i depositi carboniosi, per azione di un pettine, si staccano e si depositano al fondo della camera del filtro, dalla quale si possono scaricare, svitando il tappo.

Il filtro può essere anche comandato a mano agendo direttamente sulla leva 1 dopo aver staccato il tirante di comando 5.

La pulizia del filtro si esegue manualmente lavandolo, dopo averlo smontato, con gasolio.

Raffreddamento

Il sistema di raffreddamento del motore è a circolazione forzata d'acqua tramite una pompa centrifuga  collocata sul lato sinistro del motore e comandata direttamente dall'alberino della dinamo. Essa viene lubrificata tramite una valvola.

Il radiatore è del tipo tubi e alette ed era dotato di una persiana comandata a mano, di ventilatore e termostato. La persiana ha lo scopo di proteggerlo dalle correnti d'ari troppo fredde.  Le regolazioni sono quattro,  aperta o chiusa o regolata nelle posizioni intermedie a seconda della temperatura esterna. Il ventilatore è comandato dalla stessa cinghia trapezoidale che comanda la dinamo, la tensione di questa cinghia è regolabile.

Nel tubo di mandata dell'acqua dal motore al radiatore, è inserito il termostato. Esso ha lo scopo di portare rapidamente l'acqua del motore alla temperatura più conveniente per il suo funzionamento.

A temperature dell'acqua inferiori ai 58-62 °C il termostato rimane chiuso interrompendo il flusso di acqua dal radiatore la motore.

A temperature comprese tra 65 e 80°C il termostato rimane solo parzialmente aperto e si apre completamente tra 80 e 85°C.

termostato montato

E' sconsigliabile superare queste temperature, perciò è buona regola istallare un termometro sulla vettura.

termostato separato

A differenza delle vetture moderne, nell' Ardea è necessario sostituire regolarmente l'acqua di raffreddamento. Ciò per evitare la formazione di residui calcarei e di ruggine nel sistema. La vettura dispone quindi di un pratico rubinetto di scarico collocato in basso sul lato sinistro del motore e comandato da una leva facilmente accessibile.

La sostituzione dell'acqua deve essere effettuata col motore a basso regime, versando acqua non calcarea nel radiatore attraverso il bocchettone e lasciando aperto il rubinetto di scarico fino a che non si vede defluire acqua limpida.

rubinetto scarico acqua e pompa

Precauzioni "estreme" erano necessarie per evitare i danni da gelo, tuttavia era possibile  in alternativa allo svuotamento usare miscele anticongelanti artigianali.

Miscela per Ardea furgoncino e camioncino

Miscela per Ardea vettura

Anche se percentualmente equivalenti nella composizione, la miscela per l' Ardea autovettura è di 6 litri contro i 7 per l'Ardea furgoncino/camioncino a dimostrazione del diverso dimensionamento di furgoncino e camioncino rispetto alla vettura in quanto sicuramente sottoposti ad un uso più gravoso.

 

Il motore in fase di assemblaggio dopo la revisione dei singoli componenti

Dopo alcuni mesi, finalmente l'opera è conclusa e il motore è ritornato all'antico splendore

La Trasmissione

Modello

1a serie

2a serie

3a serie

4a serie

autotelaio

tassì Roma

furgoncino e autolettiga

camioncino

Telaio n.

1001 3392

3393 8430

8431 12030

12031 23730

 --

--

1001 1385

4386 8120

1001 2194

2195 2600

Trasmissione

frizione

monodisco a secco - gioco pedale: 15-20 mm

cambio

4 M + RM

5 M + RM

4 M + RM

5 M + RM

4 M + RM

5 M + RM

rapporti

I 3,9:1

I 3,9:1

I 3,9:1

I 3,9:1

I 3,9:1

I 3,9:1

II 2,22:1

II 2,22:1

II 2,22:1

II 2,22:1

II 2,22:1

II 2,22:1

III 1,43:1

III 1,43:1

III 1,43:1

III 1,43:1

III 1,43:1

III 1,43:1

IV 1:1

IV 1:1

IV 1:1

IV 1:1

IV 1:1

IV 1:1

RM 3,9:1

V 0895:1

RM 3,9:1

V 0895:1

RM 3,9:1

V 0895:1

--

RM 3,9:1

--

RM 3,9:1

--

RM 3,9:1

albero

tubolare con due giunti elastici e nelli in gomma

ponte posteriore

coppia conica a dentatura Gleason Hypoid 10/53

7/43

coppia conica a dentatura Gleason Hypoid 6/43 o 7/43

rapporto di riduzione

1:4,88

1:5,1

1:5,3

1:4,88

--

7,16:1

La frizione

La frizione è del tipo monodisco a secco e non richiede alcuna manutenzione speciale. Il pedale deve fare una corsa a vuoto di 1 - 1+1/2 cm, il cuscinetto di spinta è lubrificato automaticamente mediante un condotto dall'asta di innesto della retromarcia del cambio di velocità

disco frizione

spingidisco frizione

sede posteriore per molla frizione

frizione, spingidisco, sede posteriore

Il cambio

Il cambio di velocità, in un sol blocco col motore è a 4 (5) marce con retromarcia, con 2a, 3a, 4a (e 5a),  silenziose (sincronizzate)

 

Cambio a quattro marce

Cambio a cinque marce

I Freni

Il sistema frenante era idraulico a tamburo sulle quattro ruote comandato da una pompa azionata a pedale. In questo impianto, il serbatoio alimentatore è munito di un' asta centrale ad occhio, avente il compito di mantenere nell'impianto dei freni, a mezzo di apposita pompa interna al serbatoio, il liquido sotto pressione. L'asta funziona normalmente quando, tirata verso l'alto si mantiene stabilmente in questa posizione. Se l'asta non mantiene la posizione alta l'efficienza dei freni viene compromessa.

Modello

1a serie

2a serie

3a serie

4a serie

autotelaio

tassì Roma

furgoncino e autolettiga

camioncino

Telaio n.

1001 3392

3393 8430

8431 12030

12031 23730

--

--

1001 8120

1001 2600

Freni

del tipo a ganascia ad espansione. Comando idraulico tipo Lockheed sulle ruote ant. e post., a mano meccanico indipendente post.

del tipo a ganascia ad espansione. Comando idraulico tipo SABIF sulle ruote ant. e post., a mano meccanico indipendente post.

 

 

Scatola guida

La guida è del tipo a settore elicoidale  vite senza fine ed era montata su cuscinetti a sfere.

Il tirante comando sterzo ed il tirante di accoppiamento trasversale sono montati su articolazioni elastiche.

Sospensioni

L’avantreno dell’Ardea ripropone il tradizionale schema a cannocchiale con molle cilindriche ad elica ed ammortizzatori idraulici incorporati mentre il retrotreno risulta notevolmente semplificato rispetto a quello dell’Aprilia: niente più ruote  indipendenti ma ponte rigido con balestre longitudinali semiellittiche imperniate anteriormente e posteriormente per mezzo di boccole elastiche.

Prestazioni

Il piccolo brioso motore risulta rende la vettura molto scattante con una velocità massima di 108 Km/ora. Il cambio, a 4 rapporti inizialmente poi a 5 con la fine della 3 serie ha una prima molto corta che consente uno spunto notevolissimo in partenza e il superamento di ripide salite. La guida su strada risulta molto piacevole anche per le doti di stabilità e maneggevolezza. Il consumo costituisce un vero record per i tempi con soli 7.2 litri di benzina a 80 Km/ora e ciò con un rapporto di compressione di soli 6:1. naturalmente la presenza della quinta marcia sovrammoltiplicata con la 4a serie consente un ulteriore risparmio ad andatura di crociera in quanto si riducono i giri del motore senza diminuire la velocità.

Torna su Navigatore sito Home page