Lancia Ardea

Web - Site

Sito ufficiale del Lancia Ardea Club

Versioni speciali

Home page
Navigatore sito
Le derivate
 

Cabriolet Pininfarina

Barchetta

Panoramica Zagato

Cabriolet Pininfarina

Tentativo non molto riuscito di realizzare una cabriolet simile all'Aprilia.

Ne vennero prodotti solo pochi esemplari.

La somiglianza con l'Aprilia è veramente considerevole

Barchetta

Un po' Ardea e un po' Topolino

Trovate di recente ben due Ardea barchetta, una smontata da anni e della quale è rimasto veramente poco.

L'altra invece molto completa e restaurata

Prima del restauro

Dell'Ardea c'è solo la meccanica intesa come motore e cambio.

Tutto il resto è preso da altre vetture, la costruzione è puramente artigianale.

La fonte primaria di parti è stata la Topolino FIAT

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

Di questa è rimasto proprio poco

click qui per ingrandire

Altro esempio di Barchetta

Scocca artigianale diversa dalla precedente e meccanica Ardea

Questa barchetta ha marchio Lancia

click sulle foto per ingrandire

Realizzata sul telaio Ardea, partecipò alla Mille Miglia del 51 nella classe 750 sport condotta da Vici e Rossi .

Ardea panoramica  Zagato1949

Realizzazione di Zagato sul telaio Ardea.

La carrozzeria è molto aerodinamica con una linea avveniristica.

Ampie le superfici vetrate da cui il nome di "panoramica"

Finita la guerra, gli stilisti italiani furono chiamati a immaginare l'auto del futuro, partendo però quasi sempre da vecchi autotelai. Fra tutti, Zagato fu il più spregiudicato: nel 1947 propose una rosa di vetture dalle ampie superfici vetrate e dalle forme arrotondate, cui diede il nome di "Panoramica".
La vettura con cui Zagato inaugurò nel 1947 la serie "Panoramica" fu una Fiat "1100", caratterizzata da un abitacolo ampio e luminoso, nel quale le superfici trasparenti erano sapientemente realizzate con un mix di cristallo e plexiglas, un materiale allora sperimentale che permetteva la curvatura.
Vieri Rapi, l'ingegnere dell'Isotta Fraschini che al tempo collaborava con Zagato, utilizzò il plexiglas nella parte superiore del parabrezza, per il grande lunotto e i finestrini. Una soluzione modernissima che offriva al pilota un’ampia visibilità e al passeggero una vista, appunto, panoramica. Questo tipo di vettura ricevette un brevetto che Zagato utilizzò per le realizzazioni automobilistiche fra il 1947 e il 1950.
Con il nome "Panoramica", Zagato commercializzò un centinaio di vetture; le motorizzazioni erano di serie, ma a volte Zagato interveniva anche sui propulsori con l'aiuto del preparatore Facetti di Bresso o della Casa dell'Auto di Torino, che gli forniva le speciali preparazioni "Testa d'oro". Il modello più diffuso fu quello realizzato su meccanica Fiat "500" ("Tipo B" e "Tipo C"). Pezzi unici furono, invece, la Ferrari "166 MM", la Maserati "A6 1500", l'Alfa Romeo "8C 2300", la Lancia "Ardea" e la MG.

(fonte: Ruoteclassiche)

Furgoncino, Autolettiga

Camioncino

Tassì Roma

Torna su Navigatore sito Home page