L A N C I A   A R D E A

Web Site

 

Sito ufficiale del Lancia Ardea Club

 

CLUB DI MODELLO RICONOSCIUTO E AUTORIZZATO DAL LANCIA CLUB

Il camioncino

Home page

Navigatore sito

Le derivate

Aggiornamento: 28 Settembre 2010

Le foto originali (click per ingrandire)

Se il furgoncino può essere definito una rarità, ancor di più lo è il camioncino prodotto in soli 1600 esemplari.

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click per ingrandire

click per ingrandire

click per ingrandire

click qui per ingrandire

click per ingrandire

click per ingrandire

click per ingrandire

click per ingrandire

click per ingrandire

Non sono conformi all'originale:

Lo specchio interno e maniglia porta interna , appartengono infatti alla FIAT 600 prima serie.

I fari posteriori aggiunti sono di epoca successiva: in origine erano rotondi, ai lati della targa .

Il rivestimento in legno lateralmente al cassone è un abbellimento non previsto in origine.

Il tessuto grigio che riveste il padiglione e le alette parasole dovrebbe essere nocciola in abbinamento al verde.

La calandra deve essere verniciata e non cromata.

L'impianto elettrico è rifatto con fili colorati e non sterlingati.

I cerchioni dovrebbero essere neri e non beige abbinato al colore della carrozzeria come nella Ardea berlina.

Lo specchio esterno dovrebbe essere nero.

Indicatori di direzione sui parafanghi anteriori.

Conservato, ma da restaurare, questo altro esemplare

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

 

Il bottone sulla plancia sostituisce il pulsante a pedale del devioluci tipico della berlina.

Tipica la testa della 4a serie, il cambio è il cinque marce.

Anche qui è stato aggiunto un rivestimento,questa volta in lamiera,

infatti, nella foto tratta dal manuale, la parte interna del cassone non è rivestita se non in legno verso la cabina.

Le coppe ruota sono come nell' Aprilia:

stesso disegno come nelle prime tre serie della berlina, ma maggiori dimensioni.

 

Fari posteriori originali per questo altro esemplare verde

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

click qui per ingrandire

 

Oltre che verde poteva essere grigio

L'altro colore previsto per il camioncino era il grigio, sempre con inserti avorio.

 

Anche se "messo male" questo esemplare è ancora recuperabile.

Molto impegnativa la ricostruzione della parte posteriore

La centinatura sul cassone era un accessorio. Previsto ovviamente il telone di copertura.

I colori erano due: verde e grigio entrambi con inserti bianco avorio.

L'interno era in cuoio nero con il rivestimento del tetto in panno marrone abbinato al verde e grigio abbinato al grigio.

 

Grigio telonato

Questi veicoli sono stati molto sfruttati: prestare molta attenzione al restauro delle parti di meccanica.

 

Le altre derivate

Furgoncino, Autolettiga

Tassì Roma

Cabriolet, Panoramica, Barchetta

 

Torna su Navigatore sito Home page